Stefano Di Scanno

Stefano Di Scanno

Stefano Di Scanno

Biography

Laureato in Giurisprudenza e giornalista professionista, Stefano Di Scanno, 56 anni, è stato attivo nell’emittenza radiotelevisiva locale della provincia di Frosinone negli anni ’80;  redattore e caposervizio nei quotidiani Paese Sera, Ciociaria Oggi e La Provincia, ha lavorato nelle redazioni di Latina e Frosinone de Il Tempo ed ha collaborato a Il Messaggero,

Nel periodo in cui è stato capo servizio al Giornale di Bergamo ha intervistato personaggi della montante stagione leghista, a cominciare da Gianfranco Miglio e Umberto Bossi. Ha lavorato nell’agenzia di service giornalistici Roma Oggi. Ha fondato e diretto L’inchiesta Settimanale e il Corriere del Sud Lazio. Ha fondato e dirige attualmente L’inchiesta-Quotidiano.

Tra i promotori a metà degli anni ’90 del Movimento Autonomista Sud Lazio, che sollecitava un diverso assetto istituzionale della regione (con redazione di una proposta di deliberazione consiliare adottata da una trentina di assisi civiche del Lazio meridionale) ha sempre visto nei giornali uno strumento utile a riequilibrare diseguaglianze e ingiustizie, e necessario per incubare idee di sviluppo territoriale.

Tra le iniziative vanno ricordate la petizione anti-casta giunta sulla scrivania del presidente della Repubblica Napolitano nei mesi successivi allo scoppio dello scandalo delle gestioni allegre della Regione Lazio, che videro tra i protagonisti Maruccio e Fiorito. Ultima la proposta della creazione di un “fondo per la dignità dei lavoratori” – a sostegno delle famiglie rimaste senza reddito per la crisi industriale in atto – alimentato da enti, eletti e società private.