Giulio Ferroni

Giulio Ferroni

Giulio Ferroni

twitter-icon

Biography

Roma, 1943

È critico letterario e storico della letteratura italiana. Ha insegnato dal 1975 al 1982 presso l’Università della Calabria, poi come professore ordinario di Letteratura Italiana alla Sapienza di Roma, dove ha coordinato il dottorato di Ricerca in Italianistica ed è stato presidente del Corso di laurea in Letteratura Musica e Spettacolo.

Vanta un profilo internazionale con periodi di docenza all’estero presso l’Harvard University, l’Università di Paris – VIII e Paris –X, l’University of California, Los Angeles. I suoi studi, dedicati dapprima al Cinquecento e alla cultura Rinascimentale, si sono poi concentrati sulla letteratura del Novecento. Ampia e variegata la produzione scientifica; tra i testi più recenti si trovano Ariosto (2008, premio De Sanctis 2009), Prima lezione di letteratura italiana (2010), Scritture a perdere. La letteratura negli anni zero (2010), denuncia della deriva della letteratura contemporanea, Il comico. Forme e situazioni (2012), Gli ultimi poeti. Giovanni Giudici e Andrea Zanzotto (2013), La scuola impossibile (2015). Celebre la Storia della letteratura italiana da lui curata per Einaudi Scuola nel 1991, aggiornata nel 2002-2003 nell’edizione Mondadori Università, oggi ampliata nell’antologia Storia e Testi della letteratura italiana con la collaborazione di Andrea Cortellessa, Italo Pantani, Silvia Tatti, testo su cui si formano i giovani studiosi di letteratura italiana. Collabora alle pagine culturali dell’Unità e del Manifesto – Alias.